La storia del Cagliari
Tutta la cronistoria rossoblù, partita per partita
1966/67
Coppa Mitropa
La Coppa dell’Europa Centrale, abbreviata Coppa Mitropa, è una delle più antiche competizioni internazionali europee per squadre di società, avendo visto la disputa della sua prima edizione nel 1927. A misurarsi, come è intuibile dalla sua denominazione, erano squadre di un’area geografica dell’Europa ben definita. Le prime due edizioni vedevano in lizza squadre di Austria, Ungheria, Cecoslovacchia e Jugoslavia il cui posto, a partire dal 1929, fu preso dall’Italia. In seguito, la stessa Jugoslavia tornò ad avere sue rappresentanti a partecipare e si aggiunsero anche formazioni di Romania e Svizzera.

Prima dell’avvento della Coppa dei Campioni, che vide la luce nei primi anni 50, era un torneo di assoluto prestigio, anche in virtù del fatto che il cosiddetto calcio danubiano (specie quello ungherese) era quello che andava per la maggiore. Una volta creatisi i tre tornei principali dell’UEFA (Coppa dei Campioni, Coppa delle Coppe e Coppa delle Fiere), la Coppa Mitropa venne relegata a manifestazione secondaria, a cui potevano accedere squadre non qualificatesi per le tre coppe più prestigiose. Ma per il Cagliari, ammesso a partecipare a questa edizione, si tratta pur sempre dell’esordio internazionale. Portacolori dell’Italia, oltre ai rossoblù, c’erano Milan, Lazio e Fiorentina.

Il torneo è formato da 16 squadre che venivano accoppiate per dare vita ad un tabellone simile a quello tennistico a partire dagli ottavi di finale. Ogni coppia di contendenti si giocava l’ammissione al turno successivo in una doppia gara (andata e ritorno) ad eliminazione diretta. Oltre alle italiane erano presenti squadre austriache, jugoslave, ungheresi e cecoslovacche e saranno proprio questi ultimi due paesi a portare in finale una loro rappresentante per il successo nel torneo. Che verrà conseguito dai cecoslovacchi dello Spartak Trnava (che hanno eliminato nei quarti di finale la Lazio e in semifinale la Fiorentina) che sconfiggeranno nella doppia finale, disputata all’inizio della stagione successiva, in autunno, lo Ujpest Dozsa.

Delle italiane, prima di essere estromesse dal torneo, la Fiorentina ha eliminato First Vienna e Tatabanya e la Lazio la Stella Rossa di Belgrado. Cade al primo turno il Milan, per mano della Dinamo Zagabria e cade al primo turno anche il Cagliari che, dopo avere sconfitto 2-1 in casa all’Amsicora gli jugoslavi dello Sarajevo nella gara di andata, subisce la rimonta vincente degli avversari, che si qualificano imponendosi 3-1 in quella di ritorno.