La storia del Cagliari
Tutta la cronistoria rossoblù, partita per partita
1985/86
Coppa Italia
E’ un periodo storico di sofferenza per il Cagliari sia dal punto di vista societario che da quello sportivo e la Coppa Italia, anteprima di un campionato di Serie B che si presenta quanto mai difficile, non fa eccezione per quanto riguarda i risultati.

Inserita in un girone con Milan e Udinese a rappresentare la Serie A, la Reggiana la Serie C1 e Arezzo e Genoa come avversari che si ripresenteranno in campionato, il Cagliari chiuderà melanconicamente all’ultimo posto risultando, per giunta, la peggiore delle quarantotto partecipanti riguardo il numero delle segnature, appena una. Si qualificheranno le due squadre di A con l’Udinese unica squadra dei gironi eliminatori a fare punteggio pieno, cinque vittorie in altrettante gare.

Delle partite disputate dal Cagliari ha lasciato perplessi, soprattutto, il primo impatto con un avversario di pari categoria, l’Arezzo, contro i rossoblù hanno riportato una sconfitta senza attenuanti, 3-0.

La formula della competizione ha ricalcato quella collaudata delle ultime stagioni. Iscritte tutte le squadre di A e B e dodici di Serie C, suddivise in otto gironi da sei squadre, con partite di sola andata nella prima fase e qualificazione per le prime due e fase successiva ad eliminazione diretta con gare di andata e ritorno.

Il successo è andato alla Roma, alla quinta vittoria su cinque finali nelle ultime sette stagioni. Ultima sua antagonista nella doppia finale era la detentrice del trofeo, la Sampdoria, a sua volta giunta alla seconda finale della sua storia, perdipiù consecutiva.