La storia del Cagliari
Tutta la cronistoria rossoblù, partita per partita
2016/17
Campionato Serie A
La stagione 2016/17 è quella del ritorno in A del Cagliari dopo la vincente parentesi in Serie B. E si parte con la conferma del tecnico Rastelli per guidare i rossoblù anche in questa nuova annata, nel segno della continuità. In sede di mercato la squadra viene rinforzata con calciatori adatti alla categoria superiore, arrivano nomi di esperienza addirittura internazionale. La squadra con la quale vengono intrecciate più operazioni di mercato è la Juventus, Campione d’Italia in carica.

Alla quale tornano per fine prestito Tello e Cerri e dalla quale arrivano Isla e Padoin. Sempre con la formula del prestito cambiano casacca Balzano e Colombatto che vanno in B rispettivamente al Cesena e al Trapani e Krajnc che va alla Sampdoria. Così come Fossati che va al Verona, dal quale viene acquistato Ionita. Altre uscite quelle di Barreca, che torna al Torino per fine prestito e Cinelli al quale non viene rinnovato il contratto. Un altro arrivo in prestito è quello del greco Tachtsidis, che proviene dal Genoa, quindi il ritorno di Barella dal prestito al Como e l’ingaggio di altri due calciatori di grande importanza e prestigio, cioè Alves, difensore fresco campione d’Europa con la propria nazionale (il Portogallo) e Borriello, attaccante svincolato, la cui ultima esperienza è stata con l’Atalanta.

Proprio quest’ultimo parte con i fuochi d’artificio in questa che sarà per lui una stagione da assoluto protagonista, aldilà delle più ottimistiche previsioni. Accade nella prima uscita stagionale ufficiale del Cagliari, in Coppa Italia, allorquando la Spal viene travolta ed eliminata al Sant’Elia con il punteggio di 5-1 con quattro reti realizzate dall’attaccante. Ed è la prima volta nella storia del Cagliari che un suo calciatore mette a segno quattro reti nella stessa partita in un incontro ufficiale.

In campionato le prime due partite hanno un andamento contradditorio. All’esordio sul campo del Genoa ancora Borriello porta in vantaggio il Cagliari che poi subisce il ritorno dell’avversario che capovolge il risultato e vince. Nell’esordio in casa, contro la Roma, che si rivelerà ancora una volta una forza assoluta del campionato, è al Cagliari che riesce la rimonta con un parziale di 0-2 che viene tramutato in 2-2. Il primo successo, convincente, arriva alla quarta giornata a danno dell’Atalanta, che sarà protagonista di un ottimo campionato ma che verrà nettamente sconfitta al Sant’Elia. I rossoblù vivono il miglio loro momento della prima parte del campionato quando, tra la 7° e la 9° giornata centrano tre vittorie consecutive, le prime due in casa (che diventano tre di fila considerando la già citata contro l’Atalanta) e un successo di prestigio sul campo dell’Inter, in secondo nelle ultime due apparizioni del Cagliari in campionato in casa loro.

Dopodichè i rossoblù iniziano a subire reti in maniera impressionante e preoccupante. Prima cinque reti al Sant’Elia contro una Fiorentina che si impone 5-3, poi un altro rovescio (4-1) sul campo della Lazio e infine, dopo un successo casalingo contro il Palermo, un’ altra disfatta sul campo del Torino (5-1) a cui segue un’altra sconfitta, stavolta di misura, sul campo del Chievo, che diventa la quarta in cinque partite.

E questa prima parte di campionato determina la fisionomia del Cagliari per tutta la stagione. Una pessima difesa, che si distinguerà tra le peggiori in assoluto di tutti i campionati d’Europa, contrapposta ad una buona tendenza alla vittoria nelle partite più abbordabili, specie quelle casalinghe e una bassissima tendenza al pareggio.

A dicembre si raggiunge il culmine delle disfatte con un’umiliante sconfitta 5-0 sul proprio terreno contro il Napoli, nuovo primato negativo in quanto a sconfitta interna, per i rossoblù. In questo finale di anno solare, anche se la classifica sembra già avere determinato le squadre retrocesse, con Palermo, Crotone e Pescara già nettamente distaccate da tutti in fondo alla classifica, il tecnico viene messo in discussione e la partita casalinga contro il Sassuolo potrebbe essere decisiva in tal senso. Partita che il Cagliari approccia malissimo risultando, ad inizio del secondo tempo, in svantaggio 3-1 nonostante la superiorità numerica causata da un’espulsione. Succede invece che ai rossoblù riesce la rimonta per un clamoroso e spettacolare 4-3 che da più tranquillità alla classifica.

In sede di mercato di riparazione, viene ceduto il portiere Storari al Milan, a causa del suo deludente rendimento in cambio del giovane Gabriel che, nelle gare in cui verrà impiegato, si rivelerà una clamorosa delusione. E il ruolo di titolare tra i pali passa al brasiliano Rafael, già secondo di Storari la stagione precedente e protagonista di una buona carriera in Serie A con la maglia del Verona. Rafael si dimostrerà ben degno di una maglia da titolare offrendo un rendimento sicuro e costante in positivo.

Oltre Storari, vengono ceduti Munari al Parma e Giannetti in prestito in Serie B, allo Spezia e arrivano Miangue, giovane difensore belga in prestito dall’Inter e Faragò dal Novara, saquadra di Serie B.

Ad ogni buon conto i rossoblù chiudono il girone di andata con una classifica rassicurante. Ventitrè punti, ben tredici di margine sopra la zona retrocessione. E riescono, almeno fino a febbraio, a registrare un minimo la difesa, che subisce decisamente meno, anche se in questo frangente di campionato le vittorie non arrivano. Cinque partite consecutive tra la 21ma e la 25ma con due soli pareggi. In questo periodo viene anche sperimentato Gabriel in porta che, dopo una nuova goleada subita in casa, ad opera dell’Inter (5-1), viene immediatamente accantonato a beneficio del più affidabile Rafael.

Il Cagliari trascorre un girone di ritorno nel quale amministra il buon vantaggio in classifica sulla zona retrocessione. Le vittorie sono poche ma di quelle pesanti e che contano per la classifica, visto che le squadre che vengono sconfitte sono quelle con punteggio inferiore in classifica, come il Genoa, il Crotone e il Palermo, queste ultime due in trasferta e il Chievo. E i rossoblù chiudono i conti con la matematica con largo anticipo, ancora in occasione di una partita contro squadre inferiori in classifica. Si tratta della vittoria sul Pescara, già matematicamente in B, della 34ma giornata.

Il finale di campionato si chiude un po’ come è stata tutta la stagione, cioè con risultati contradditori, come la vittoria sull’Empoli, squadra in lotta per non retrocedere, alternata ad un clamoroso rovescio sul campo del Sassuolo, che si impone con il punteggio di 6-2. L’ultima di campionato è di quelle col botto, con una vittoria di prestigio a danno del Milan, che mancava dal 1998, in quella che sarà l’ultima partita allo stadio Sant’Elia, destinato ad essere demolito e ad essere sostituito da un nuovo impianto.

La classifica finale del Cagliari parla di un ottimo undicesimo posto, con rischi pressoché nulli di retrocessione per tutto il campionato, e squadra mai sconfitta per più di due gare consecutive. Tuttavia i numerosi e brutti rovesci che si sono susseguiti per tutto il campionato, in alcuni casi umilianti, gettano un’ombra sulla positività della stagione. Le 76 reti subite costituiscono un primato storico negativo per i rossoblù, che chiudono il campionato con la metà della partite (diciannove su trentotto) perse e con il primato stagionale di sconfitte esterne (quattordici).

La restante storia del campionato parla del sesto consecutivo scudetto ottenuto da parte della Juventus, impresa mai riuscita nella storia. Vittoria, ancora una volta, ottenuta in un campionato nettamente dominato e con le rivali incapaci di tenere il ritmo della capolista. Che, fino a maggio, ha sempre vinto in casa, chiudendo in campionato con diciotto vittorie ed un pareggio tra le mura amiche. A proposito di pareggi, questo campionato ne ha registrato solo ottanta in tutto il campionato, il dato nettamente più basso da quando il campionato è tornato a venti squadre (stagione 2004-05). Basti pensare che la Juventus ha ottenuto il primo stagionale solo a marzo mentre la Roma, seconda classificata, ne ha ottenuti solo tre in tutto il campionato, primatista stagionale in tal senso sul totale, mentre condiviso per i dati casalinghi (uno, come la Juventus) ed esterni (due, come il Cagliari). La Juventus, unica senza sconfitte interne, ha chiuso il campionato con la migliore difesa, mentre il Napoli, terzo classificato, è stato il migliore attacco.

In zona retrocessione, per gran parte del campionato c’è stata poca suspence, visto che Crotone, Palermo e Pescara venivano quasi subito staccate dalla concorrenza ponendosi come candidate quasi certe alla retrocessione, In realtà quello di retrocedere è stato il destino di solo due di queste squadre, perché nel finale di campionato il Crotone avviava un’irresistibile rimonta a danno dell’Empoli, scavalcato incredibilmente in classifica proprio all’ultima giornata. Una rimonta avviata proprio in occasione dello scontro diretto in Calabria del girone di ritorno, alla 22ma giornata, quando, alla vigilia, il Crotone aveva uno svantaggio di undici punti. Da allora l’Empoli otteneva un pareggio alla 23ma giornata e poi ben sette sconfitte consecutive tra la 24ma e la 30ma giornata. A titolo di curiosità, rileviamo il fatto che nella classifica finale nessuna squadra ha ottenuto lo stesso punteggio di un’altra, evento assolutamente raro e inconsueto.

Per il Cagliari, in questo campionato, sono scesi in campo un complessivo di trentaquattro calciatori, il massimo storico per una stagione in A. Di questi, ben cinque si sono alternati in porta, primato storico per il Cagliari. Nessuno ha giocato tutte le gare di campionato. I più presenti sono stati Alves e Borriello con trentasei gare ciascuno. Quest’ultimo è stato anche il miglior realizzatore con sedici reti all’attivo, mentre c’è stato molto equilibrio tra gli altri realizzatori in maglia rossoblù (ben tredici calciatori oltre Borriello), con sette reti ciascuno per Farias, Joao Pedro e Sau.