La storia del Cagliari
Tutta la cronistoria rossoblù, partita per partita
1965/66
Coppa Italia
Formula invariata per questa edizione della Coppa Italia rispetto alla precedente. Partecipano le 18 squadre di A e le 20 di B, con teste di serie le prime quattro classificate del precedente campionato di Serie A, che entrano in gioco a partire dai quarti di finale. Dove le altre quattro squadre arrivano attraverso un cammino fatto di tre turni eliminatori in gara unica, sul campo di una delle due contendenti, deciso per sorteggio.

Al Cagliari, dopo il debutto vincente a Novara 1-0 nel primo turno, capita l’Atalanta, già avversaria dei rossoblù in questa manifestazione la stagione precedente allorquando fu nettamente eliminata con il punteggio di 5-0.

Stavolta i bergamaschi si prendono la rivincita espugnando l’Amsicora con il punteggio di 1-0 ed estromettendo così i rossoblù dalla competizione.

L’incontro per l’assegnazione della Coppa, vinta dalla Fiorentina, veniva d isputato in campo neutro, ancora una volta lo stadio Olimpico di Roma, dove, ultimo contendente, arrivava il sorprendente Catanzaro, formazione di Serie B, che si toglieva nel torneo, tra le altre cose, la soddisfazione di eliminare in semifinale a Torino la Juventus e che capitolava solamente su calcio di rigore al 5’ del secondo tempo supplementare, venendo così sconfitto 2-1 dopo l’1-1 dei novanta minuti regolamentari.