La storia del Cagliari
Tutta la cronistoria rossoblù, partita per partita
1970/71
Coppa Anglo Italiana
La Coppa Anglo-Italiana nacque dall’idea di un dirigente calcistico italiano, Gigi Peronace, che operava sia in Inghilterra che in Italia, con lo scopo di un confronto tra squadre di società di questi due paesi, da disputare a campionato finito.

La prima edizione si disputa al termine della stagione 1969/70 e il Cagliari partecipa per la prima volta l’anno successivo.

Si tratta di una manifestazione internazionale lontana dal prestigio dei massimi tornei continentali ed è oramai caduta nel dimenticatoio ma aveva il riconoscimento dell’UEFA ed è da considerarsi, dunque, un torneo ufficiale europeo a tutti gli effetti.

La formula della manifestazione prevedeva la partecipazione di dodici squadre, sei italiane e sei inglesi, suddivise in tre raggruppamenti composti da quattro squadre ciascuno, due italiane e due inglesi. La fase di andata si disputava in Inghilterra, quella di ritorno in Italia. Le partite di questa manifestazione prevedevano solo ed esclusivamente una squadra italiana contro una inglese per ognuna delle quattro giornate.

A questa edizione partecipavano per l’Italia, oltre al Cagliari, Bologna, Inter, Roma, Sampdoria e Verona mentre le inglesi erano Blackpool, Crystal Palace, Huddersfield Town, Stoke City, West Bromwich e i detentori, lo Swindon Town.

Il Cagliari è inserito nel gruppo 2 con l’Inter, per quanto riguarda le italiane, e Crystal Palace e West Bromwich a rappresentare l’Inghilterra. Nella prima fase, disputata, come detto, in Inghilterra, il Cagliari affronta Crystal Palace e West Bromwich ma non l’Inter e così per gli altri raggruppamenti con la seconda fase della manifestazione da disputarsi in Italia. Al termine delle partite dei tre gruppi vengono stilate due classifiche indipendenti, una per nazione e ai punti acquisiti sul campo (due per la vittoria, uno per il pareggio e zero per la sconfitta) se ne aggiungono tanti quante le reti realizzate, il tutto per favorire il calcio offensivo, in perfetto stile inglese. Di questa classifica, la migliore inglese e la migliore italiana si affrontavano in finale in gara unica per contendersi il trofeo.

Il Cagliari faceva un’ottima figura, con due vittorie in entrambe le gare interne e una vittoria e una sconfitta in Inghilterra, non sufficienti, tuttavia, ad ottenere il diritto alla disputa della finale, dove arrivava il Bologna, l’unica squadra italiana a precederla nella particolare classifica. La finale per l’assegnazione del trofeo vede opposto il Blackpool al Bologna in casa di questi ultimi, che vengono sconfitti con il punteggio di 2-1 al termine di una tiratissima partita protrattasi ai tempi supplementari dopo l’1-1 maturato al 90mo minuto.